Messico


Messico (México, ufficialmente Estados Unidos Mexicanos) è un paese del Nord America, confinante a nord con gli Stati Uniti d’America, a sud-est con Guatemala e Belize. Si affaccia ad est sul golfo del Messico e il mar dei Caraibi e sull’oceano Pacifico ad ovest.

Cenni geografici

Il territorio è in gran parte montuoso; fanno eccezione la penisola dello Yucatan e le coste sul Golfo del Messico. Diversi rilievi superano i 4.000 m o addirittura i 5.000 m; la cima più alta è quella del Citlaltépletl (Pico de Orizaba) (5 700 m), che fa parte della Fascia Vulcanica Trasversale. Le principali catene montuose sono la Sierra Madre Occidentale e la Sierra Madre Orientale, tra le quali si estende l’altopiano Centrale del Messico (in cui sorge Città del Messico).

Sono una quindicina i vulcani attivi nel territorio messicano.

Fra i numerosi fiumi del Paese il più importante è il Río Bravo, che traccia il confine con gli Stati Uniti e sfocia nel Golfo del Messico.

Divise tra oceano Atlantico e oceano Pacifico si trovano numerose isole; le principali sono: le Revillagigedo e le isole Marías, nel Pacifico; le isole Guadalupe, Cedros, Ángel de la Guarda, Coronado, Rocas Alijos, Isola di Tiburón, Isla del Carmen, di fronte alla penisola della Bassa California e le coste di Sonora; e quelle di Ciudad del Carmen, Cozumel, Isla Mujeres.

Il Messico è anche considerato il secondo paese al mondo per gli ecosistemi e il quarto per specie totali, tant’è che 170.000 km² del suo territorio sono considerati “aree naturali protette”.

 

Quando andare

Il clima in Messico varia a seconda della latitudine e soprattutto dell’altitudine. Le regioni settentrionali ricevono precipitazioni in misura molto inferiore a quelle meridionali. C’è da dire però che le piogge nel sud del paese sono di durata breve.

Chi si reca in vacanza nello Yucatan e nel sud del paese deve prendere in considerazione il rischio di incappare in piogge ed eventualmente uragani nel periodo giugno-ottobre. I venti spirano di norma forti tra settembre e novembre.

Gli alberghi praticano tariffe d’alta stagione nel periodo compreso tra Natale e Pasqua. Le vacanze natalizie e pasquali possono risultare care per chi programma una visita alle città dell’altopiano quali Taxco e Pátzcuar.

Al di fuori di questo periodo i prezzi possono risultare più bassi di un buon 20% con punte massime fino al 50% ma a luglio-agosto subiscono di nuovo un’impennata soprattutto nei maggiori centri balneari. Luglio e agosto sono mesi estremamente caldi nel nord del paese e anche nelle zone costiere dove si osserva una maggiorazione del tasso di umidità.

I nostri hotel


Le ultime offerte di Messico